NEW YORK FASHION WEEK, IN PASSERELLA LA STRAORDINARIA NORMALITA’

New York rivoluziona la settimana della moda. Una rivoluzione che ha scosso la stampa e alimentato le speranze: in passerella modelli diversamente abili, con uno straordinario senso dell’umorismo. La settimana della moda si è aperta all’insegna dell’impegno sociale e della solidarietà, partendo dalla stilista Carrie Hammer, che ha fatto sfilare la prima modella con la sindrome di Down in passerella, per finire con Antonio Urzi, stilista amato da star come Lady Gaga e Beyoncè, che ha portato alla NYFW la disabilità all’interno del progetto FTL Moda Loving You. Una collezione ideata a più mani dai grandi nomi della moda insieme ai nuovi talenti emergenti, che propone e proporrà anche durante le sfilate Milano Moda Donna, un capo realizzato in due versioni uno classico e il secondo concepito per persone con disabilità.

Un grande plauso alla settimana della moda newyorchese per il suo grande impegno solidale: d’altronde, si sa, a New York, tutto è possibile. Perché il concetto di “modello” può benissimo essere elevato a quello di “esempio di vita”, anche quando si parla di vestiti e affini.

Commenti

Commenta

Un indirizzo email valido è necessario.