Irriverente e sexy, Cher icona di stile in continua evoluzione

Come sempre con grande entusiasmo, si rinnova l’appuntamento domenicale con la fashion icon della settimana, ovvero quella celebrità che, secondo noi, è tra le icone di stile che hanno dettato tendenze e che oltre ad aver seguito al meglio le mode, le hanno anche create.
Buona lettura!
La nostra icona di stile è: CHER.

Cherylin Sarkisan La Pierre, meglio conosciuta da tutto il mondo come Cher, ha molte attitudini riconosciutele a livello mondiale: è un’attrice, cantautrice, produttrice e presentatrice statunitense. È entrata a far parte del mondo della musica negli anni sessanta, a 17 anni, esordendo in coppia con Sonny Bono. Successivamente, inizia ad avere una carriera tutta sua distaccandosi da Sonny Bono. Gli anni ’60 la vedono protagonista di programma televisivi in cui era la presentatrice e di film per cui vinse molti premi tra cui un Oscar e dei Golden Glob. Famosissima per essere un camaleonte dello stile, ha ispirato tante generazioni e tanti fan con i suoi look eccentrici e stravaganti, divenendo in poco tempo un’icona gay mondiale, imitata dalle Drag Queen nei loro show.
Cher, infatti, è stata anche definita come “una stilista più che una musicista”. E’ stata un modello per la moda del tempo, popolarizzando i suoi lunghi e lisci capelli neri, i pantaloni a zampa di elefante e mostrando l’ombelico. È stata anche una delle prime donne ad esporre l’ombelico nella televisione, cosa che creò scandalo. 
Nel 1970 inizia a lavorare per la televisione e il suo stato di sex symbol ha spinto il suo stilista Bob Mackie a creare degli abiti che lasciassero scoperte delle parti del corpo. Successivamente Cher è tornata a far parlare di sé nel 1989, anno in cui viene filmato il video per il singolo “If I Could Turn Back Time”. Nel video la cantante è a bordo della nave americana USS Missouri, indossando un perizoma, delle calze retate e un giubbotto in jeans. Il video diventa uno dei primi censurati da MTV, ma a causa della sua popolarità, MTV lo mette in onda solo dopo le 9 di sera. Con una grande carica e uno stile personale con forte sex appeal, è stata ed è un modello a cui tante star si sono ispirate: da Britney Spears, a Beyonce, passando per Cindy Lauper a Meryl Streep e tante altre. Incredibili sono i look che ha mostrato, tantissimi, dai più variopinti ai più dark.
Una vera artista che ha saputo diventare un modello di ispirazione: le ragazze e le drag queen volevano essere come lei, si tingevano i capelli di nero e usavano il kohl sugli occhi marcandolo, proprio come faceva Cher. La sua forza, crediamo che risieda nel suo grande talento, prima di tutto e poi nella grande capacità di essere versatile e poliedrica nel lavoro. Una vera icona di stile, stravagante sì, ma unica!




Michelle Obama, icona dallo stile “quotidiano”

Per noi di Art in Vogue la domenica è certamente il giorno dedicato alle icone di stile, a quelle muse che hanno ispirato stilisti nella storia e che sono impresse nell’immaginario di tutti noi.

Questa settimana la nostra icona di stile è….
MICHELLE OBAMA
E’ certamente una delle donne più famose al mondo, la First lady americana, Michelle Obama, è la prima donna afro-americana ad essere alla White House.
Nata a Chicago nel 1964, Michelle, dopo una lunga carriera universitaria, diventa avvocato.
Ricoprì diversi ruoli di significativa importanza, tra cui quello di consigliere, assistente al sindaco, e come commissario per lo sviluppo e la formazione.
Conobbe l’attuale presidente, Barack Obama e fu subito amore.
Da quando è diventata first lady, il suo stile è stato apprezzato e ammirato da tutti, gente comune e professionisti del settore che hanno soprattutto elogiato l’eleganza, sobria e semplice di Michelle.
Un’icona di stile del “quotidiano” che ha saputo conquistare subito il podio di icona divenendo in poco tanto una vera e propria lanciatrice di tendenze.
E’ stato scritto anche un libro sul suo stile che si intitola “Everyday icon, Michelle Obama and the power of style” (“Un’icona di tutti giorni, Michelle Obama e il potere dello stile”) di cui l’autrice è Kate Betts, ex-delfina di Anna Wintour a Vogue, poi direttrice di Haper’s Bazaar e ora fashion editor per Time. 
La tesi, difficilmente confutabile, è che grazie alla sua forte personalità la First Lady in carica sia riuscita ad unire non solo stile e sostanza, ma anche persona e personaggio come nessuna prima di lei.
Un’icona di stile vicina al pubblico, vicina alla gente, con uno stile raffinato e molto elegante. Una donna forte,  che ha lanciato un’immagine di sè pulita, determinata e soprattutto devota alla gente.
Il suo stile varia e lei stessa ha detto “donne vestite quello che amate” e in effetti le sue parole si sono dimostrate vere almeno nel suo caso: un Alexander McQueen rosso fuoco per l’ultima visita di stato di Hu Jintao criticato perché non firmato da uno stilista americano, ma anche un twin set di Gap al pranzo in onore a Nancy Reagan, un vestito di H&M al Today Show (entrambi sotto i 50 dollari), o un completo J Crew a Buckingham Palace (inorriditi gli inglesi: non si va dalla regina indossando un semplice golfino! 
Insomma coraggiosa e determinata, Michelle Obama è una perfetta FASHION ICON.