C’ERA UNA VOLTA IN SICILIA….

C’era una volta in Sicilia un bosco magico…popolato da fate e creature delle fiabe.
 Un luogo dalla bellezza incantata dove i sogni si avverano e diventano realtà. 
Dove i mostri non esistono e governa l’incanto di una notte incantata.

 Dai sotterranei si eleva una gigantesca quercia posizionata in uno scenario fiabesco: sullo sfondo il “cielo” è viola e la neve copre ogni cosa. Ad un certo punto da un giardino segreto le fate di Dolce & Gabbana ci appaiono con tutta la loro bellezza, accompagnate da una musica da sogno.

E la magia dei due stilisti si compie, attraverso la “danza” sulla passerella di 60 bellissime fate dallo sguardo incantato. Si sogna ad occhi aperti: in testa cappucci ricamati da cavalieri, scarpe appuntite che richiamano quelle di Peter Pan impreziosite da gioielli e applicazioni color oro. Addosso fantastiche cappe con su delle stampe effetto collage con i più disparati protagonisti: fiori, civette, scoiattoli.

E a dominare l’intero show Dolce & Gabbana ci sono i motivi floreali che avvolgono magicamente tutto, ma non solo, ci sono anche chiavi e serrature magiche, su lunghi abiti, gonne e mini dress. “Una chiave di lettura che apre castelli, torri o forzieri”, spiegano gli stilisti che hanno cucito la loro fiaba con un mood surrealistico. “Perché gli incantesimi non hanno una logica”. Gli abiti da folletto sono stretti in vita e corti; si portano con calzamaglia da paggio e stivali super decorati, tagliati e bordati con le sfumature del bosco.
Ed ecco che sulle note del walzer della fata confetto di Tchaikovsky sfilano le magiche ancelle portando in passerella i colori del bosco e della natura. Ma non manca il pizzo, grande protagonista degli show D&G, questa volta, sottoforma di ricamo incantato, solo per alcune elette.
Il viola, il rosso, il giallo e i colori forti dominano con incanto la passerella.
Abiti di chiffon in stile impero ammaliano e affascinano, fanno sognare e regalano un pò di incanto, cosa rara di questi tempi. Uno stile romantico che seduce e ci fa ben sperare.
E poi arriva il finale, con tutta la sua bellezza evocativa: tutte in passerella per un grande finale da fiaba, dove solo i sogni possono avverarsi, dove i magici abiti ci riportano ai giardini segreti delle favole popolati da elfi, fate e animali magici: è la SICILIA INCANTATA.
Il finale stupisce con mini dress luccicanti, sui colori del nero e dell’argento.

 

MILAN FASHION WEEK: DAY 2

La settimana della moda di Milano è ufficialmente iniziata ed è già un successo.Si  è svolto anche il secondo giorno di sfilate e noi abbiamo seguito tutti gli eventi in diretta con live twitting e aggiornamenti continui sulla nostra PAGINA FB e sul nostro profilo TWITTER .Sono tantie le collezioni  primavera/estate 2014 che ci hanno colpito in questa prima giornata di passerelle. Comincia il nostro reportage con i TOP LOOK dei designer più importanti.

MAX MARA
Essenzialità nelle forme, nei colori, stile minimal: queste le componenti essenziali della collezione targata Max Mara. Abiti ampi dalle maniche a tre quarti, con trasparenze e comodi pantaloni alla caviglia protagonisti della linea. Le nuance vanno dal beige, passando per i viola intenso, al grigio fumo, con picchi di orange. Bellissimi i foulard raccolti in vita. 

BLUGIRL
Sulle note di musiche retrò sfila la collezione Blugirl, tra amore e fantasia: e tra sentimenti delicati e raffinatezza bellissimi completi vintage fanno capolinea. Dai twin set, ai tessuti trasparenti passanto per il pizzo: elementi chiave di uno stile ricercato e bon ton. E bon ton sono le gonne e gli abiti floreali, un floreale semplice e dai toni tenui. I colori sono candidi, puliti e chic.
ANDREA INCONTRI
Andre Incontri stupisce ogni volta di più; ogni sua presentazione è tra le più attese e riesce a riscuotere un enorme successo.  E ci crediamo viste le proposte per la prossima bella stagione: abitini con tessuti all’avanguardia declinati in bianco, mostrano trasparenze velate e tagli minimal. Pattern romantici e mini dress che ricordano i costumi da bagno anni ’50 sfilano audaci. Al top i motivi floreali declinati in blu e in arancio. 
FENDI
Ma che bella collezione: la casa di moda Fendi non si smentisce mai e propone abiti dalla visione futuristica e all’avanguardia. E che sembrano rievocare tempi futuri in cui tecnologia e design faranno da sfondo, sono i tessuti hi-tech declinati in tante nuance: rosso, bianco, blu, nero. Stupendo il look con la frangia e le ampie gonne. Il taglio è netto, la silhouette allungata e il design… beh unico..
JUST CAVALLI
Colore, colore e tanto colore. Beh Just Cavalli sa proprio sorprendere con le sue tonalità grintose e gli audaci accostamenti. Jumpsuit, crop top e bustier all’ultima tendenza irrompono nella passerella contornati da colori e tonalità allegre: c’è un mix di arancio, fucsia, giallo, blu. Per non parlare del mix&match di pattern: dal maculato, al check passando per l’optical. Un gioco di colori e forme molto glamour. 

COSTUME NATIONAL
Il brand curato da Ennio Capasa torna dopo due decenni di Parigi ed è come se non fosse mai andato, la sua collezione è stata un vero successo. Tornano le linee semplici, pulite, i tagli sartoriali e i colori basic. Bellissimo il tocco di giallo acido su abiti dal taglio maschile: come i blazer con una mono manica e gonne dalo spacco arrotondato.  Un accenno di silver metallizzato, un pizzico di fluo e qualche trasparenza sagacemente censurata. Un ritorno super acclamato per una maison che guarda al futuro e all’innovazione di stile.

PRADA
Miuccia Prada non si smentisce e lancia in passerella l’audacia pura. Ed ecco che in un turbinio di colori e maxi stampe super, irrompono abiti dal taglio netto, deciso, proprio come lei. E l’arte irrompe in quegli abiti anni ’90 più che mai. La creatrice Miuccia Prada sfida ancora una volta le convenzioni chiedendo a sei artisti (El Mac, Mesa, Stinkfish, Gabriel Specter, Jeanne Detallante e Pierre Mornet) di dipingere le pareti della sede della griffe di via Fogazzaro con ritratti che rappresentassero la loro idea di donna, dando vita ad un’opera collettiva dal titolo In the heart of the moltitude. Beh eccone il risultato, spettacolare.

FRANCESCO SCOGNAMIGLIO
Ma che bella la collezione romantica ed eterea di Francesco Scognamiglio. Un tripudio di colori tenui e romanticismo eterno. Il rinascimento sfila attraverso abiti dal taglio determinato; attraverso crop top, il pizzo nero, maxi t-shirt tagiate alla vita con ricami barocchi e rinascimentali. La donna proposta è sensuale ma allo stesso tempo dolce e pura: il fiore della peonia è il filo conduttore dell’intera collezione.
(photo: Grazia.it)


THE LITTLE BLACK JACKET BY CHANEL

Piccola, nera, eterna: descritta come l’ultimo simbolo dell’eleganza femminile’ la giacca Chanel è stata reinventata infinite volte da quando mademoiselle Coco la concepì nel 1954. Fa parte di ogni collezione Chanel ed è uno dei più grandi lasciti del marchio. Non una semplice giacca, quindi ma una rivoluzione nell’armadio delle donne di stile. Dopo un tour che ha toccato Parigi e New York arriva in Italia la mostra fotografica firmata Karl Lagerfeld “The little black jacket” dedicata alla celebre giacca nera Chanel. Un omaggio al capo, diventato un must have universale. Questo evento speciale approda a Milano, svelando la tappa successiva della mostra attraverso la quale la Maison Chanel celebra i valori della marca: la creatività, la modernità e l’eccellenza. 113 scatti che ritraggono celebrità fotografate con l’icona in tessuto addosso, ciascuna con la propria interpretazione del mito, mostrando come questo capolavoro di couture possa essere adattato a tante personalità e stili diversi. Una giacca nera la si usa per il lavoro, il tempo libero, le feste, i cocktail party, ideale per l’abito da sera e i jeans: la versatilità di questo capo d’abbigliamento la consacra un evergreen sempre alla moda. Una semplice giacca nera può diventare la chiave per uno stile impeccabile, raffinato  e chic. 


MILAN STREET STYLE

Le sfilate milanesi si sono concluse qualche giorno fa: grande successo per le nuove tendenze autunno/inverno 2013/14. Ma diamo uno sguardo al backstage delle passerelle: lo street style a Milano è una delle attrazioni più seguite dagli appassionati del settore e non ammirare queste bellissime immagini di vero stile è impossibile.
Date un’occhiata alle fashion addicted più glamour di Milano.

Fashion shows are over some days ago: great success for new F/W 2013-14 trends. But let’s take a look to the backstage: Milan street style is one of most suited attraction for fashion lover and it’s impossible don’t admirate these images of true style. 
Take a look to most glamour fashion addicted of Milan.

Ph. Credit: Grazia.it